Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Arkadag: la smart city del futuro

Arkadag è la nuova capitale regionale della provincia meridionale di Ahal, vicino al confine con l’Iran e a 30 km dalla capitale nazionale, Ashgabat.
Il 29 giugno 2023 una imponente cerimonia di apertura, alla presenza del presidente Serdar Berdymukhamedov, ha ufficialmente inaugurato la futuristica smart city chiamata Arkadag, o “Protettore”, in riferimento al suo precedente presidente Gurbanguly Berdymukhamedov.
La costruzione della nuova città, progettata per un totale di 73.000 residenti, è costata 3,3 miliardi di dollari. Esistono programmi di investimento per utilizzare al meglio la stessa somma nei prossimi anni ed espandere ulteriormente la città e la sua popolazione.
Tutti gli edifici di Arkadag sono colorati di bianco, con tutti i condomini alti sette piani, numero fortunato in Turkmenistan. In città sono ammessi solo veicoli elettrici, che hanno anche una copertura digitale completa 5G.

La prima fase di sviluppo della città ha previsto 336 edifici all’avanguardia, strutture pubbliche, educative, mediche, culturali, sportive, tutte costruite con materiali rispettosi dell’ambiente e dotate di tecnologie digitali.

Nell’ambito della seconda fase di sviluppo urbano, che avrà luogo nei prossimi tre anni e si concluderà nel 2027, verranno costruiti impianti di servizio e produttivi per la produzione di prodotti alimentari, industriali, farmaceutici e medicali. Nella città vivranno circa 70.000 famiglie, per una popolazione totale di circa 300.000 abitanti.
I cittadini utilizzeranno veicoli urbani rispettosi dell’ambiente – autobus elettrici e auto elettriche, nonché parcheggi “intelligenti”, pannelli solari, turbine eoliche e altri vantaggi ambientali e digitali. Sono già stati creati un canale televisivo “Arkadag”, un giornale e una squadra di calcio.

Si prevede che diventerà un’importante rotta commerciale dell’Asia centrale con l’Iran come parte del corridoio orientale dell’INSTC, il corridoio internazionale di trasporto nord-sud (rete multimodale lunga 7.200 km di rotte navali, ferroviarie e stradali per lo spostamento di merci tra India, Iran, Azerbaigian, Russia, Asia centrale ed Europa).

Di seguito la descrizione di Arkadag Smart City, a cura del Programma delle Nazioni Unite per gli insediamenti umani (ONU – Habitat).

Il progetto Arkadag Smart City è un’iniziativa visionaria volta a guidare lo sviluppo sostenibile e promuovere un ecosistema urbano tecnologicamente avanzato, rispettoso dell’ambiente e socialmente inclusivo. Radicato negli Obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) delle Nazioni Unite, questo impegno innovativo cerca di affrontare le sfide globali creando al tempo stesso un modello per le città intelligenti del futuro. Al centro del progetto Arkadag Smart City c’è un forte impegno del governo del Turkmenistan nel promuovere l’urbanizzazione sostenibile, l’efficienza delle risorse e una migliore qualità della vita per tutti i residenti. Il progetto sfrutta tecnologie all’avanguardia, processi decisionali basati sui dati e coinvolgimento della comunità per garantire un approccio olistico ed equilibrato allo sviluppo urbano.

Obiettivi chiave:

1. Sostenibilità ambientale: Arkadag Smart City dà priorità alle pratiche ecocompatibili e alla gestione sostenibile delle risorse. Attraverso l’integrazione delle energie rinnovabili, iniziative di termovalorizzazione, trasporti pubblici efficienti e progetti di bioedilizia, il progetto mira a ridurre significativamente l’impronta di carbonio e l’impatto ambientale.
2. Crescita inclusiva ed equità sociale: l’equità sociale è un principio guida del progetto, garantendo che tutti i segmenti della società possano beneficiare della crescita della città. Alloggi a prezzi accessibili, infrastrutture accessibili, strutture sanitarie e opportunità educative sono componenti chiave per promuovere un senso di appartenenza e migliorare il benessere generale della comunità.
3. Progresso tecnologico: abbracciando il potere della tecnologia, Arkadag Smart City integra l’Internet delle cose (IoT), l’intelligenza artificiale (AI) e l’analisi dei dati per ottimizzare i servizi cittadini. Le reti intelligenti, i sistemi intelligenti di gestione del traffico e le soluzioni di manutenzione predittiva vengono implementate per migliorare l’efficienza e ridurre il consumo energetico.
4. Diversificazione economica e creazione di posti di lavoro: il progetto mira ad attrarre investimenti e coltivare un’economia diversificata che promuova l’innovazione e l’imprenditorialità. Promuovendo industrie come l’energia pulita, la tecnologia digitale e l’agricoltura sostenibile, la città diventa un centro di crescita economica e opportunità di lavoro.
5. Partecipazione della comunità: un processo decisionale inclusivo consente ai residenti di partecipare attivamente alla definizione dello sviluppo della città. Le riunioni regolari dei municipi, i meccanismi di feedback dei cittadini e le piattaforme digitali consentono un approccio trasparente e collaborativo alla governance.
6. Resilienza e gestione dei disastri: per salvaguardarsi da potenziali minacce, Arkadag Smart City investe in solide misure di preparazione e risposta alle catastrofi. Strategie di adattamento climatico, sistemi di allarme rapido e infrastrutture resilienti vengono implementate per proteggere la città e i suoi abitanti da eventi avversi.
7. Privacy e sicurezza dei dati: riconoscere l’importanza della privacy dei dati, il progetto dà priorità a solide misure di sicurezza informatica per salvaguardare le informazioni personali e garantire la riservatezza dei dati critici. Il progetto Arkadag Smart City funge da faro di speranza e ispirazione per altri centri urbani in tutto il mondo, dimostrando che le città intelligenti, sostenibili e inclusive non sono solo possibili ma anche essenziali per un futuro migliore. Promuovendo la collaborazione e lo scambio di conoscenze, il progetto mira a contribuire in modo significativo al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile e ad inaugurare una nuova era di sviluppo sostenibile globale.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 1 marzo 2024